venerdì 12 aprile 2013

VINITALY 2013

"Vinitaly si riconferma il più importante salone dedicato al vino..."


Giunta alla 47° edizione, questa fiera, è la più attesa dell'anno da esperti del settore e non.
..E anche quest'anno si è già conclusa!
Il prezzo del biglietto era di 50 euro e probabilmente il prossimo anno aumenterà. Questo perchè i 4.255 espositori si sono stancati di vedere gente sbronza ad ogni angolo. Ma non abbattetevi, basta conoscere le persone giuste ed entrerete gratis. Sia chiaro, non c'è bisogno di conoscere il sindaco, basta una semplice hostess, meglio se molto furba!
All'interno degli stand si respira aria di gioia e di festa, tutti col bicchiere in mano, chi per degustare, chi per brindare!
Quest'anno molti politici hanno fatto visita al Vinitaly. Matteo Renzi in primis, il cui discorso è stato trasmesso da tutti i tg, Zaia, come di consuetudine il sindaco di Verona Flavio Tosi e molti altri, che io personalmente non ho visto.
Altri volti noti, invece, hanno fatto visita alla fiera in veste di produttori:
Rocco Siffredi ha presentato il suo nuovo vino "Rocco", un vino "afrodisiaco" come lo ha definito lui stesso, "idele per rilassarsi e divertirsi";
Morgan con il nuovo "Morgato", che nasce dalla sua passione per il moscato;
Andrea Pirlo con il suo vino biologico "Nitor".
C'era anche la non apprezzata dall'intera Italia, neo vincitrice della seconda edizione del talent Masterchef, Tiziana Stefanelli. Si è esibita in uno show cooking nel padiglione della regione Toscana, dove ha dimostrato la sua bravura. Mi duole dirlo ma ha meritato la vittoria di Masterchef 2.








L'anno prossimo non potrete di certo mancare!





domenica 7 aprile 2013

RICETTA: Torta stracciatella, come riciclare gli avanzi delle uova di Pasqua

Non sapete come utilizzare la cioccolata avanzata dalle uova di Pasqua?? Questa è la ricetta perfetta.

INGREDIENTI

150 gr di cioccolato fondente o al latte
3 uova
1 bustina di vanillina
100 gr di maizena
120 ml olio di oliva
1 bustina lievito in polvere
200 gr farina
200 gr zucchero
100 ml latte

PROCEDIMENTO

Per preparare la torta stracciatella prendete 150 gr di avanzi di cioccolato delle uova di Pasqua e spezzettateli piuttosto grossolanamente. Separate gli albumi dai tuorli e mettete questi ultimi in una planetaria insieme allo zucchero. Azionate l’apparecchio e sbattete il tutto fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Se non avete la planetaria fate a mano con una frusta.
Continuando a sbattere, aggiungete prima il latte e poi l’olio. Setacciate molto bene la farina e la maizena insieme al lievito,quindi trasferite il composto di uova e zucchero in una terrina ed unite, senza fare grumi, le farine e la vanillina. Amalgamate bene tutti gli ingredienti aiutandovi con una spatola, quindi incorporate anche gli albumi, che avrete precedentemente montato a neve ferma, mescolandoli delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto, per non smontarli. Infine aggiungete i pezzetti di cioccolato e versate il composto così ottenuto in una tortiera precedentemente imburrata e infarinata o foderata di carta da forno che è molto meglio.
Infornate per 40/45 minuti a 180°. 
Il sito dal quale ho preso la ricetta sostiene che la cottura è di 60 minuti, la mia era cotta già dopo 35 minuti. Inoltre i pezzetti di cioccolato andranno inevitabilmente sul fondo della torta anche se li infarinate, sempre come consiglia il sito.

BUON APPETITO



http://ricette.giallozafferano.it/Torta-stracciatella.html



Tapas y Flamenco. SEVILLA

Siviglia, capoluogo dell'Andalusia.
Tapas, sangria, flamenco e corrida caratterizzano la città.
Un paradiso per chi ama il clima mite in inverno e torrido d'estate, un paradiso soprattutto per chi ama bere e fare festa. La città è piena di bar de tapas dove puoi gustare un'ottima sangria accompagnata da tapas di ogni genere. Valido sostituto della sangria è il tinto de verano, un mix di vino rosso e soda. La vita notturna inizia intorno alle 22.30 proprio in questo modo, con tapas e vino, una sorta di aperitivo/cena, per proseguire fino all'alba.
Non temete,avrete tutto il tempo necessario per farvi passare la sbronza! Si, la vita a Siviglia, ed in tutta la Spagna, al mattino, inizia alle ore 10.00! Prima di quell'ora le strade sono completamente deserte. Dimenticatevi il nostro traffico delle 7.30! Nel pomeriggio la siesta è d'obbligo ed indovinate... cosa fanno in queste ore di pausa gli abitanti della città? Bevono in compagnia al bar.
Come non amare tutto ciò??

Vedere gli spettacoli di flamenco è abbastanza costoso e anche un po' noioso, a dir la verità! Il luogo ideale per non annoiarsi e vedere uno spettacolo discreto è La Carboneria. In questa taverna, ogni sera, artisti non professionisti, ma comunque molto bravi, si esibiscono per circa due ore. Ci si puo' godere lo spettacolo seduti ai tavoli o dal bancone del bar, il tutto sempre bevendo e mangiando.

Per gli amanti della corrida c'è la grande Arena di Plaza de Toros de la Real Maestranza, gli spettacoli, sfortunatamente, sono solo in primavera ed estate. Dico sfortunatamente perchè Siviglia d'estate raggiunge quasi i 40° e scegliere questo periodo per visitarla non è il massimo.
In estate la meta ideale è la Costa del Sol, a poche ore d'auto dal capoluogo andaluso, con le splendide Màlaga, Marbella e Nerja.

Ecco un po' di foto del mio recente viaggio a Siviglia!






Plaza de Toros





La Carboneria



martedì 19 marzo 2013

Le spose di PNINA TORNAI



Pnina Tornai è una stilista israeliana diventata famosa, soprattutto, grazie alla trasmissione "Abito da sposa cercasi"  (Say yes to the dress). Il programma in onda, anche troppo, su Real time, segue le storie di giovani ragazze alla ricerca dell'abito da sposa perfetto. Il tutto si svolge da Kleinfeld, New York.
Secondo alcune fonti, inizialmente la prestigiosa boutique avrebbe rifiutato gli abiti di Pnina per poi fare un passo indietro,accoglierli e crearle addirittura uno store interno.
Proprio grazie al programma gli abiti della stilista sono diventati famosi in tutto il mondo.
Oggi rappresentano il non plus ultra per le promesse spose.
Pnina Tornai abbina sensualità a tradizione. Ha una passione sfrenata per i corpetti, per la stravaganza e per le pietre preziose.
La sposa di Pnina è di sicuro anticonvenzionale, sexy e luminosa. I prezzi variano dai 5.000 euro circa, per un abito semplice, ai 30.000 euro, per un abito unico nel suo genere. Certo, non sono economici ma sono splendidi e sempre più ragazze sognano di indossare un suo abito il giorno del matrimonio.

In Italia abbiamo solo due boutique che tengono gli abiti firmati Pnina Tornai: 
Rebecca la sposa di Franca Guglieri, Piacenza 
Centro moda Mampieri, Roma.










Se volete lasciare tutti a bocca aperta il giorno delle vostre nozze, indossate un abito di Pnina Tornai!!!



RICETTA: Focaccia tonno e cipolla

Sono una cuoca alle prime armi. 
Prendo ricette da siti di cucina oppure le vedo nei vari programmi in tv, provo a ricrearle rivisitandole.

Ho deciso di cimentarmi con la focaccia tonno e cipolla che è deliziosa. Ho seguito tutto il procedimento descritto dal sito dal quale ho preso la ricetta e ho notato che ci sono delle modifiche da fare perchè venga morbida e non bruciata.

INGREDIENTI


-per l' impasto

Farina 500 gr
Acqua 350 ml
Lievito di birra 25 gr (un cubetto)
Sale 15 gr
Zucchero un cucchiaio
Olio di oliva 4 cucchiai


-per la ricopertura

Cipolle rosse a piacere
Tonno a piacere
Sale q.b
Olio di oliva q.b.


PROCEDIMENTO


Sbriciolate e fate sciogliere un cubetto di lievito di birra in una ciotola insieme a dell’acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero: mescolate e attendete (qualche minuto) che in superficie si formi della schiuma. Nel frattempo sciogliete il sale nella restante acqua tiepida, poi versate la farina dentro ad una ciotola capiente, fate una conca al centro e unite il composto di lievito, l’olio e l’acqua tiepida. Mescolate gli ingredienti e poi impastateli su di una spianatoia fino ad ottenere un composto liscio ed elastico al quale darete forma di una palla. Ponete l’impasto in una ciotola spolverizzata di farina, copritelo con un canovaccio pulito e mettetelo a lievitare in un luogo tiepido e lontano dalle correnti d’aria fino a che non avrà raddoppiato il suo volume (almeno due ore).



Trascorso il tempo di lievitazione, oliate abbondantemente una teglia e stendetevi l’impasto pressando con le mani e con i polpastrelli delle dita in modo da formare dei piccoli avvallamenti. Lasciate lievitare per un’altra mezz’ora.
Nel frattempo mettete a rosolare le cipolle, che andranno a ricoprire la focaccia, in una pentola con poco olio. 




CONSIGLIO: per utilizzare poco olio e comunque non bruciare la cipolla, fate scaldare bene la pentola prima di mettere olio e cipolle. Ne servirà molto meno

Una volta pronte spegnete il fuoco ed unite il tonno. Salate.


A questo punto, secondo la ricetta originale bisognerebbe (trascorsa l'ulteriore mezz'ora di lievitazione nella teglia da forno) ricoprire l'impasto con tonno e cipolla per poi infornare a 220° per 35/40 minuti. Così facendo si brucia tutto e l'impasto diventa croccante come fosse una schiacciata.

CONSIGLIO: Infornate senza la ricopertura a 150°/180° gradi, a seconda del vostro forno, per 20/30 minuti e controllate spesso. Poi estraete la teglia dal forno, mettete cipolle e tonno (precedentemente preparate) sull'impasto e mettere di nuovo in forno per 5/10 minuti.
Prendete i tempi con le pinze, varia tutto da forno a forno, tutto sta nel controllare spesso l'impasto. Quando vedete che l'impasto è quasi pronto aggiungetevi la ricopertura.


Prima di servire mettete un filo d'olio sulla focaccia e del sale macinato.

DELIZIOSA




Ricetta presa da http://ricette.giallozafferano.it